Se mi ami vale tutto

Pensavo che essere adulta equivalesse ad essere indipendente, ma non è completamente così. C’è di mezzo quel cordone ombelicale che ti limita e contemporaneamente ti fa sentire al sicuro. E’ come quando da piccino impari a fare i tuoi primi passi. Fai fatica a coordinare il movimento dei piedi, a mantenere l’equilibrio, ma facendo un passo alla volta ce la fai e ti senti quasi invincibile. Eppure, nonostante quella onnipotenza, ogni due per tre alzi lo sguardo per controllare se papà è ancora di fronte a te che ti porge la mano e ti osserva, pronto a prenderti nel caso inciampassi.
Dopo quattro anni di coming out, ritrovo me stessa ancora bloccata nella zona grigia della tolleranza. C’è chi dice che devo considerarmi fortunata, sarebbe potuta andare peggio. In fondo all’epoca fui solo minacciata di essere cacciata fuori casa o di essere mandata dallo psicologo, ma poi nulla di concreto accadde. Si, probabilmente sono stata fortunata…
Una parte di me però non riesce ancora a comprendere una cosa: fa più male vedere tuo padre che va a sedersi sul divano a leggersi un giornale, deluso dalla tua incapacità di camminare correttamente e vederlo che ogni tanto ti osserva, preoccupato e allo stesso tempo indifferente al fatto che tu sia in piedi o a terra… Oppure ferisce maggiormente vedere tuo padre che bruscamente se ne va di casa, senza tornare, mentre tu ti stai impegnando a fare i tuoi primi passi?
Per come la vivo io, la tolleranza rispecchia una pugnalata alle spalle. Per fortuna arriva un momento in cui capisci che non puoi permetterti ulteriori ferite. Ti tocca scegliere: morte o vita? Decidi di voltarti, strappi dalle mani di tuo padre il pugnale, lo guardi decisa e con una forza improvvisa gli gridi ” Se mi ami vale tutto, dunque decidi: amami accettandomi o non amarmi affatto!”
In quel momento, i secondi di silenzio che ti rimbombano nelle orecchie sono infiniti, la speranza è ormai in fin di vita e c’è solo una cosa da fare… Tagliare il cordone ombelicale, così da rendere l’accettazione di stessa realmente indipendente.
Perché l’indipendenza è libertà e la libertà è amore.

Sharing is caring!

Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.